Skip to content

AWPROVALABSI.CF

SCARICARE FILE AUDIO DA DROPBOX SU IPAD

CREDEM MR PIN BATTERIA SCARICARE


    Contents
  1. Ed Ero Contentissimo by Tiziano Ferro on Amazon Music –
  2. Mr. Pin APP e SMS
  3. Golf People Club Magazine N.1
  4. Rassegna Stampa widiba

Vuoi avere awprovalabsi.cf sul tuo smartphone o tablet? Scarica l'App dedicata (iOS e Android), potrai entrare nell'applicazione in modo sicuro grazie al riconoscimento . Credem Mr. Pin APP per privati e famiglie è l'app gratuita dedicata ai clienti privati per l'autorizzazione delle operazioni dispositive effettuate tramite Internet e. ulteriori informazioni su Credem Mr. Pin APP per privati. Scarica Credem Mr. Pin APP per privati direttamente sul tuo iPhone, iPad e iPod touch. Sostituzione batteria token, Forum Discussioni off-topic: commenti, su una calcolatrice od orologio digitale) perché la batteria è quasi scarica. MA come faccio a sapere quando stanno per finire le batterie? Io sono pieno di ci vorrebbe sul token un segnale di batteria quasi scarica.

Nome: credem mr pin batteria re
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file:33.82 Megabytes

CREDEM MR PIN BATTERIA SCARICARE

Accedi al tuo account. Recupero della password. La tua email. Forgot your password? Get help. Home Blog Pagina Youtube conferma: in arrivo i video a gradi 7 Gen

Ecco perché ti consigliamo di passare subito alle versioni App scelta consigliata o SMS. Cambiare è facile, puoi farlo online dal tuo Internet Banking. Vuoi avere Mr. Pin sul tuo smartphone o tablet? Scarica l'App dedicata iOS e Android , potrai entrare nell'applicazione in modo sicuro grazie al riconoscimento biometrico e ottenere una password sempre nuova. Ti consigliamo di usare questa versione.

Attivando questa versione di Mr. Pin puoi ricevere la password per confermare le tue operazioni tramite un semplice SMS, ogni volta che ne hai bisogno. È stato pensato per chi non usa uno smartphone di ultima generazione. Comodo vero? È ora di dire addio alla vecchio token di plastica! Non aspettare, sostieni anche tu l'ambiente. Dal 14 settembre, secondo la Direttiva Europea Servizi di Pagamento, non sarà più possibile usare il Mr.

In occasione del passaggio alle versioni digitali, abbiamo voluto realizzare un progetto per ridurre l'impatto della plastica sull'ambiente: pianteremo 1 albero al giorno dal 22 aprile fino al 31 dicembre !

Usi ancora il vecchio dispositivo di plastica? Cambialo subito in pochi click! La prossima volta che vieni in filiale ricordati di portalo con te, penseremo noi a smaltirlo correttamente. Visita il sito e scopri quanti alberi sono stati piantati! Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Le informazioni sulle condizioni economiche e contrattuali praticate sono rilevabili nei relativi fogli informativi redatti ai sensi del D.

Questo sito utilizza cookie analitici e di profilazione e altri strumenti di profilazione on line ad es. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Viaggia in tutto il mondo per fotografare non tanto i luoghi, quanto la gente.

Spadacini, da quanti anni è Presidente del Golf di Bogogno? Quanto tempo le occupa questo incarico? Come è cominciato il suo rapporto con Bogogno? Altre caratteristiche particolari? Uno spettacolo! Abbiamo maestri eccezionali, che, oltre al resto, organizzano la Bogogno Junior School che prevede lezioni di Golf, Tennis, Inglese… dalle nostre guardie, che sono i nostri angeli custodi, che ci portano nelle case il giornale alla mattina, affiancati anche da una società esterna di sorveglianza.

Bogogno nasce nel e vanta due splendidi percorsi da 18 buche che si estendono su ettari. Tra i servizi offerti da Bogogno si trovano due piscine per adulti e una per bambini. Servizio di intrattenimento per i più piccoli con parco giochi. Doppio campo approcci. Ogni weekend faccio lunghe passeggiate con il mio labrador, che si tuffa in tutti i laghi del campo, e recupero energie e tranquillità.

Tre animatrici si occupano dei più piccoli. Si mangia magnificamente al circolo, e in zona ci sono decine di ristorantini con cucina piemontese. Il tutto protetto e sorvegliato. Nel apre una sua agenzia di pubblicità, la Show up e nel fonda la sua attuale agenzia The Beef. Da 8 anni è presidente del Circolo Golf Bogogno.

Per me questo è diventato anche un nuovo hobby. Questo è attualmente il mio approccio con questo sport che, senza dubbio, prima o poi finirà per trascinarmi realmente sul green. Com è nata la sua passione per lo sport in genere e per il tennis? Originario della provincia di Padova e residente in Veneto, nella turistica e ridente zona termale di Abano Terme.

Il Club è immerso in un ampio paesaggio al cui interno è presente la cinquecentesca Villa dei conti Emo Capodilista e il Castello, con un torrione del XII secolo, che sovrasta il paesaggio antistante.

Insomma, è un luogo veramente speciale. A pochi chilometri dalla zona in cui vivo ci sono anche altri due importanti Club, ovvero il Golf Club Padova Valsanzibio ed il Golf Club Frassanelle; li ho frequentati, naturalmente a livello di Club House e ristoranti, e sono luoghi molto suggestivi poiché immersi nel verde dei Colli Euganei.

Gioco a golf da 14 anni, e ogni volta che gioco su un qualsiasi campo mi sento a casa. Da quando lo pratico, questo meraviglioso sport è per me l unico luogo dove rifugiarmi nei momenti difficili, è infinita passione. Devo concentrarmi, e non ascoltare i miei problemi.

Mi ha insegnato tanto giocare a golf. E uno sport individuale e la sfida, l agonismo non è tra me e chi gioca nella mia categoria, ma tra me e il campo.

Essere cosciente di poter contare solo sulle proprie forze e di potermela prendere solo con me stessa se qualcosa va male, è diventato importante per la mia vita. Ho imparato anche che alcuni detti popolari sono verissimi, perchè se non vuoi trovarti nel bunker dentro la forma del piedaccio di chi è passato prima di te, dovrai sempre rastrellare le tue orme. Dal rispetto all onestà, perchè se la sfida è con il campo devi rispettare la natura, le variabili del vento, l incalzare della pioggia, del sole cocente e del freddo che ti paralizza le mani.

Il golf mi ha insegnato che troppo solido e troppo debole oppure troppo lungo e troppo corto non vanno bene; che la fretta è cattiva consigliera e per una come me, istintiva e passionale, è una gara dura non cedere alla tentazione di vivere ogni singolo colpo con istintività, ma con oculatezza e metodo. Difficilmente mi capita di dire quello che penso del mio golf, anche perché cerco di leggerlo nelle sue sfumature, descrivere le emozioni che provo camminando su percorsi di tutto il mondo è talmente profondo e allo stesso tempo emozionante che spesso le parole sarebbero banali.

Diciamo che il mio golf è pura passione, e lo vedo contornato da un alone di poesia. Il più grande degli insegnamenti che il golf e le colossali batoste che ho preso mi hanno dato, è stato capire che bisogna cercare l equilibrio delle cose. Fondamentale, per me, è l avere capito come devo affrontare una competizione, che poi inevitabilmente significa affrontare la vita quotidiana.

Per gentile concessione del Dir. Immaginarmi il risultato finale non mi ha mai portato a vincere, anzi!!! Dipende tutto da me e da quanto di buono riesco a tirare fuori da quel tiro; perchè se va male, io non penso al risultato della buca ma a ricominciare dal tiro successivo, anche se fosse l ultimo di 18 buche, perchè fino all ultimo nel golf non si molla, non si molla mai. Cerco, come del resto oramai nella vita, di non crearmi grandi aspettative. Dopo tre mesi già avevo superato l esame delle regole e da NC, alla prima gara conseguii l hcp.

Ho avuto un paio di fidanzati che ho iniziato al golf, il primo un mancino bravissimo che tutt ora continua a giocare con buoni risultati.

Il secondo, invece, non si è mai appassionato abbastanza e vedeva il golf come un nemico dal quale difendersi inevitabilmente la storia è finita , oltre a tanti amici che ho iniziato a questo splendido gioco e che non mi ringrazieranno mai abbastanza le mogli un po meno.

Credo che la FIG dovrebbe essermi riconoscente per la propaganda che da anni faccio in favore del golf, e posso assolutamente affermare che, se dal numero di tessera la mia ad oggi i golfisti iscritti hanno superato la soglia dei Buon golf a tutti!!!

La Tua Business Class privata www. Volando con Jet Privati potrete viaggiare ovunque, in qualsiasi momento e trarre il massimo vantaggio dalla vostra giornata. Prenota ora il tuo Jet Privato on demand a partire da 2.

Sposato con Monica, ha una figlia, Virginia, di due anni e mezzo. Laureato in Scienze Aziendali, fino al si è dedicato al settore meccatronico per poi diventare Industrial Partner in un fondo di private equity, quotato in borsa. Per iscriversi non è necessario acquistare quote azionarie o versarne a fondo perduto. La singolarità di Vigne del Barolo è quella di dedicare la massima attenzione verso le necessità dei bambini e di aver sperimentato la creazione di un college per i ragazzi appassionati di golf.

Incontriamo Roberto Munnia a Vigne del Barolo per saperne di più. Nel avevo frequentato per circa tre mesi la David Leadbetter Golf Academy negli Stati Uniti, e mi sono chiesto se sarebbe stato possibile replicare la stessa struttura organizzativa in Italia.

Con il supporto di un grande sponsor qual è la Ferrero abbiamo messo in piedi il progetto e siamo partiti. Quali sono state le difficoltà e le soddisfazioni maggiori incontrate durante la realizzazione? Le maggiori soddisfazioni le abbiamo avute dai ragazzi, ma siamo andati incontro a notevoli problemi organizzativi a causa dei genitori.

Abbiamo organizzato lo staff e il coach nel Settembre , i ragazzi sono arrivati quello stesso mese e subito ci siamo messi al lavoro. Nelle scuole calcio i genitori non possono penetrare oltre le barriere della struttura, non riescono a insinuarsi per contestare, modificare o distrarre i ragazzi. Da noi purtroppo è successo il contrario. Il College è partito come se si stesse in una famiglia allargata, e questo è stato il nostro errore. Commesso in buonafede, certo, ma sempre errore si è dimostrato.

Facciamo finta, per un momento, che Lei abbia fra le mani la lampada di Aladino. Quali desideri chiederebbe al genio di esaudire per migliorarlo? Chiederei a tutti i genitori di accompagnare i propri figli in un circolo di golf dove esista un programma interessante dedicato ai giovani.

Il gioco del golf permette ai genitori di trascorrere molto tempo con i figli, è uno sport educativo e molto aggregante. Cosa pensa del golf giovanile in Italia? Per i pochi ragazzi emergenti esistono principalmente due problemi. Il primo è logistico: bisogna trovare un circolo vicino a casa, che attui un programma intensivo e che permetta a tutta la famiglia di frequentare il circolo durante i weekend. Perchè se si deve accompagnare il figlio al golf durante la settimana e si è lontani, cominciano i guai.

Non vado oltre su questo argomento perchè ci sarebbe da scrivere un romanzo: il bene del ragazzo e il portafoglio del professionista del circolo raramente si incontrano.

Chi desidera provare a diventare un campioncino sarà il benvenuto, chi desidera invece solo divertirsi giocando insieme ad altri bambini verrà inserito in corsi meno intensivi.

Tutta questa iniziativa, dal costo non elevato e veramente ricca di opportunità, è merito del nostro sponsor Kinder Ferrero. Sarebbe davvero bello che altri imprenditori capissero la qualità e i ritorni di un tale investimento. Una scuola di golf per giovani fra i vigneti del Barolo Roberto Munnia. Questo nuovo interesse è poi continuato al Golf Club di Carimate, in provincia di Como, paese dove abito, con i maestri Paolo Cardoni e Mario Frigerio.

Ci parli del Club. Ha un bel campo ondulato, di circa 70 ettari, con una grande varietà di alberi secolari. Anche mio figlio Leopoldo, che ha 15 anni e gioca da 3, pratica al Club. Abitando a Carimate, anche Lei dunque coniuga il Real Estate col gioco. Beh, il Club si presta molto a questo, è stato creato insieme ad un nucleo residenziale di ville.

Si è preso in considerazione già allora il concetto di unire il vivere in mezzo al verde con il gioco del golf. Il suo ferro preferito? Ha accennato a suo figlio, che gioca a golf fin da bambino. Consiglierebbe la pratica di questo sport ai ragazzi? Consiglio questo gioco, perchè è e deve essere anzitutto un gioco, dai 10 anni in avanti a tutti i ragazzi, perchè è un gioco divertente, vario e bellissimo.

Dottor Faganelli, Lei è vice presidente della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica — Onlus, insieme a Matteo Marzotto, una organizzazione di utilità sociale senza scopo di lucro che promuove e finanzia progetti innovativi di ricerca sulla fibrosi cistica.

Ci parli anzitutto della malattia in sé. La fibrosi cistica è una malattia che provoca un danneggiamento progressivo del pancreas, dei polmoni e di altri organi. Quanti nuovi casi vengono riscontrati annualmente? Circa duecento. In Italia ci sono poi moltissimi portatori sani, inconsapevoli di esserlo. Intervista a Paolo Faganelli Uno degli obiettivi della Fondazione è quello di essere divulgatori di informazione, contribuendo a diffondere conoscenze sulla malattia e sulla ricerca.

Per noi è molto importante devolvere tutto proprio alla ricerca. Inoltre a novembre abbiamo annoverato 46 delegazioni e una quarantina di gruppi di sostegno. Con circa borse di studio o contratti di ricerca per giovani ricercatori. Si veicolano clienti e si finanzia la ricerca scientifica. E si lavora grazie al contributo di amici. Ad esempio, riguardo alla comunicazione, con pagine gratuite sui giornali o con le campagne per sostenere la ricerca di FFC attraverso gli sms da un euro ciascuno.

A Carimate, in particolare, lo scorso settembre la manifestazione ha riscosso un ottimo successo, con partecipanti. Che genere suonate? Un vero rocker, insomma. Oramai quando suoniamo vado avanti e indietro tra il palco e la sedia.

Ed Ero Contentissimo by Tiziano Ferro on Amazon Music –

La FFC è impegnata anche in opera di fundraising, informazione e formazione. Non solo promuovere dunque, ma anche finanziare la ricerca stessa. Un malato di F. Ma per la fibrosi cistica una cura non esiste e quella persona muore.

Qualche centinaio. Poi abbiamo più di La sua esperienza di vita lo ha inoltre portato a battersi attivamente ed in prima persona contro la più comune delle malattie genetiche gravi, la fibrosi cistica. Oggi abbiamo vinto. Soprattutto se si pensa che le regole sono 34, che non è prevista la presenza di un arbitro e che sono i giocatori stessi a doverle conoscere, applicare e addirittura ad infliggersi eventuali penalità.

A distanza di 25 anni sono riuscito a prendere qualche lezione e ad iniziare a giocare a golf. Ma ancora una volta ci sono ricascato: le regole! Dal partecipo ogni anno al corso tenuto presso il Golf Club Monticello dalla sezione regole della Lombardia SZR2 , corso che consiglierei a tutti coloro che amano questo gioco perché, oltre che ad essere interessante, è tenuto da un team veramente molto preparato e appassionato alla materia.

Direi che la sfida è ben più avvincente questa volta, vi aspetto! Davide Lodi Rizzini. Mio padre gioca da più di 20 anni. Ero piccola, mi portava in campo pratica in Pinetina, ad Appiano Gentile, ma ero svogliata. Adoravo lo sport, ma per me il golf non lo era.

E quando ha cominciato a giocare davvero? Quasi al termine degli studi universitari. Più consapevole e matura, ma nel frattempo ho incominciato a lavorare e i weekend ero sempre troppo impegnata per abbassarmi di handicap. Un modo per rilassarmi. Per tenere a bada la mia intelligenza emotiva. Golf e lavoro? Ha sempre voluto fare la giornalista?

Da quando ero piccola piccola. Avevo 6 anni e costringevo le amichette ad inventare dei giornalini che poi tentavo di regalare ai vicini di casa. Intorno ai 16 anni ho iniziato a scrivere pezzi di cronaca bianca per i giornali locali della mia zona ai tempi vivevo a Gallarate, in provincia di Varese. Un progetto organizzato dal professore con cui ho preparato la tesi, il Dottor Giorgio Simonelli. Prima mi occupavo dei notiziari di Eurosport, poi sono stata spostata alla gestione del lavoro legato al telegiornale, e quindi è arrivata anche la conduzione delle news.

Di certo il Galles. La cosa assurda è che ero stata inviata sola, con telecamera e cavalletto. Montavo i servizi con il mio Mac e spedivo i contributi dalla sala stampa. Vedere i due team a due centimetri di distanza, poter conoscere i professionisti più forti al mondo, è stato incredibile. Durante la cerimonia inaugurale ammetto di essermi commossa. Dove vuole arrivare con il golf?

Dove arriva la mia passione. Avevo mille idee, e il solo fatto di poter mettere tutta la mia creatività e contribuire a fare nascere un proget. Ha lavorato anche a Mediaset e Telenova. Marisa Masullo, prima da sinistra, direttore ufficio stampa Interactive Group. Sono nato a Lodi, da ragazzino mi sono trasferito a Milano. Sono entrato alla Montepaschi nel , e da quel momento è iniziata la mia lunga storia con la Banca, storia tuttora in corso.

Ha girato molte filiali? No, non molte, la Banca mi ha consentito di intrattenere le mie relazioni su Milano. Poi il ritorno a Milano. Gestione Grandi Gruppi, per tre anni. Di cosa si occupa oggi?

La piattaforma Advice permette di creare un percorso di valore aggiunto con il Cliente, in coerenza con le caratteristiche e gli obiettivi del medesimo. Con il Cliente si instaura un rapporto di reciproca fiducia: il percorso è comune, e la regola è quella di seguirlo ed aiutarlo a fare le proprie scelte.

Professionalità, serietà, trasparenza ed entusiasmo sono i principi cardine del nostro lavoro. E il tempo libero? Alcuni suoi colleghi sono golfisti, Lei gioca?

Non gioco a golf, o meglio non ancora, ma lo capisco. In effetti ho molti amici golfisti, mi capita di assistere a tornei presso il Golf Club Monticello di Cassina Rizzardi, in occasioni rotariane.

Lo incontriamo nella sede milanese di via Torino. Amo molto viaggiare, anche se Milano rimane la mia città preferita. La passione per il Golf è entrata a far parte della mia vita da oltre quindici anni.

Cerco di conciliare costantemente i miei impegni di lavoro con la mia passione per il Golf e i viaggi,. Un professionista di successo come Lei che siede in alcuni tra i più importanti Consigli di Amministrazione, come concilia la passione per il Golf con la professione? Sacca da golf e ferri sono sempre i miei compagni di viaggio. Per un golfista questa è una domanda scontata. Ovviamente quando non sono a New York o in Sardegna, dove trascorro generalmente le vacanze estive in compagnia della mia famiglia.

Quanto tempo dedica al Golf? Quali sono le sue passioni oltre il Golf? Purtroppo molto meno di quello che vorrei. Nel week-end partecipo normalmente alle diverse gare che organizzano le aziende ed i Golf Club.

Nel tempo libero amo inoltre leggere e collezionare libri, e stare in compagnia degli amici. I Links? Oppure i campi storici italiani? Le piacerebbe unire il Golf alla sua professione? Credo molto sulla professionalità dei miei collaboratori. Grazie al Golf riesco a controllare ma allo stesso tempo a scaricare tutte le mie energie. Cosa pensa del suo swing? Dove si sente più forte?

Cerco di perfezionare costantemente il mio swing e prediligo il gioco lungo, mentre il put mi provoca invece dei gran mal di testa. La ringrazio per la domanda, perchè mi ritengo nella mia seconda giovinezza e cerco di fare tesoro di tutte le esperienze professionali e di vita che mi hanno condotto fino ad oggi.

BERGAMO, via Pignolo alta In palazzo storico completamente ristrutturato, stupendo appartamento con vista panoramica: ingresso, soggiorno, cucina con isola centrale a vista, due ampie camere, doppi servizi, 2 box, cantina.

Spettacolare vista città alta. Ampie vetrate panoramiche con vista straordinaria. Box doppio. Terrazzo vivibile fronte soggiorno.

Ampio box singolo. BERGAMO, zona Poste In palazzo storico, appartamento elegantemente ristrutturato: ingresso, soggiorno, cucina abitale, due camere, doppi servizi, ripostigli, lavanderia, solaio, cantina, box. BERGAMO, Conca d oro In palazzo d epoca, elegantissimo splendido appartamento libero su 4 lati mq posto all ultimo piano: ingresso, ampio salone con sala da pranzo, studio, cucina abitabile, 4 camere, 3 bagni, 2 box. BERGAMO, città alta, fronte mura In antico e prestigiosissimo palazzo ristrutturato strepitoso ultimo piano mq, terrazzo panoramico possibilità box.

Martino Pigrizia In elegante contesto, appartamento tot. Parlane con noi. BergamoviaPiccinini2 tel. Ho iniziato la mia carriera golfistica a non più di 6 anni. Io gli chiesi subito come si giocava, cosa dovevamo fare; lui mi rispose in modo felice, come avvolto da quello splendore. Ero una ragazza sveglia, e capii subito che era uno sport fantastico!

Il mio primo tiro lo feci con un ferro di plastica, quelli che usano tutti i bambini piccoli per divertirsi e provare il golf, e ovviamente non fu successone, anzi non riuscii neanche a colpire la palla posizionata su un tee di plastica! Era la tipica garetta a tre buche che serviva a chiudere con una cosa divertente queste lezioni. La buca numero 1 la conclusi in ben undici colpi, la numero 2 in quattro, ma il successo fu alla nona: un par quattro difficile, lungo e con molta acqua… riuscii a finire in cinque colpi!

Iniziai ad allenarmi tre volte a settimana, a fare della ginnastica per le braccia che si dovevano rafforzare. Il 13 e 14 luglio feci la mia prima gara giovanile: i Campionati Italiani Baby. A quel tempo ero ancora sui 30 di hcp, ma riuscii comunque a portare a casa un buon risultato: un bel 98 di score il primo giorno e un 97 il secondo. Iniziai con le gare giovanili, nelle quali ottenni buoni risultati, e cominciai con le gare sotto i novanta.

La mia gara sugli ottanta la feci a Jesolo. Insomma, mi ritrovai ad avere un Nei primi giorni di dicembre il Comitato Veneto Golf ha convocato i ragazzi considerati più bravi ad un corso brevetti ad Albarella.

Ai primi di gennaio mi comunicarono la notizia più bella della mia vita. Il merito di questo brevetto è stato soprattutto del mio maestro Alex Senoner, che ringrazio moltissimo per tutto quello che fa per me e per la sua disponibilità e allegria anche nei momenti difficili.

Ma le sorprese non finiscono qui… perché per il prossimo marzo il comitato ha organizzato un altro corso brevetti, e questa volta dura ben cinque giorni!!! Per me il golf è la cosa più importante oltre alla scuola… , è uno sport fantastico perché si sta a contatto con la natura, ti senti avvolto da una concentrazione e da una tranquillità che non penso di aver mai provato in altre occasioni.

Come dico sempre, senza il golf la mia vita non avrebbe senso! I miei idoli sono Matteo Manassero, che stimo molto e che seguo in ogni sua gara, Chicco Francesco Molinari per la sua capacità di concentrazione e Dodo Edoardo Molinari , per la sua forza e il divertimento che mette quando gioca. Spero in una stagione ricca di soddisfazioni e di buoni risultati sia in campo golfistico che in quello scolastico.

E consiglio a tutti di provare a giocare a golf, di non badare alle persone che dicono che il golf è uno sport per vecchi. Provate, non ve ne pentirete! Angelica Moresco Angelica Moresco. Il Gruppo si occupa di consulenza finanziaria, sia ordinaria che straordinaria, per piccole e medie imprese svizzere ed italiane. Il nostro ufficio principale, dove impieghiamo lo staff di analisti finanziari e consulenti è a Lugano, in Svizzera; a Milano invece abbiamo aperto una succursale dedicata al mercato bancario per le imprese italiane.

Come è il suo rapporto con il golf? Sono stato introdotto a questa disciplina da alcuni miei compagni di squadra di rugby. Avevo abbandonato per un certo periodo, ma fortunatamente complice Angelo, un mio caro amico che la scorsa estate mi fece come regalo di compleanno una meravigliosa sacca della giapponese Tsuruya completa di tutti i ferri ho ripreso a giocare.

Quindi possiamo definirla un appassionato ma non certo un campione? Esatto, sono solo un grande appassionato, non fuoriclasse del golf. Questa è una affermazione molto comune tra imprenditori appassionati di golf. Ed è corretto! Chiaramente questo non è il fine ma semplicemente un effetto. In quali occasioni preferisce dedicarsi al golf? Generalmente nei lunghi periodi di vacanza mi ritaglio dei piacevoli momenti per giocare.

Personalmente trovo i golf britannici tra i più affascinanti. E in famiglia, con sua moglie Carol con la quale condividete anche molti momenti professionali, come vivete questa passione? Durante una nostra vacanza ad Alassio ha visto il golf di Garlenda e se ne è innamorata.

Il mio lavoro consiste nel cercare di pianificare il fabbisogno finanziario delle imprese e successivamente, agendo in rappresentanza delle stesse, nel reperimento dei finanziamenti da banche o fondi di private equity, il tutto rispettando tempi e condizioni.

Nel golf un giocatore analogamente deve pianificare la sua strategia studiando il percorso, le buche e scegliendo i ferri o legni corretti; successivamente deve agire rispettando il limite dei 72 colpi… trovo molte somiglianze!

Ma il tempo e il denaro dedicati al golf possono essere quindi considerati un buon investimento? La bellezza di questo sport, caratteristica che lo rende unico, è la capacità di permettere anche ad un dilettante di competere con un esperto, magari anche professionista.

Segui le insegne per Val di Colle, arrivi a Bagnoro, prendi la strada e… sali, sali… sali e ti trovi senza quasi accorgertene immerso tra ulivi e boschi. Ti sembrerà di aver sbagliato strada, anche se sei certo di aver seguito le indicazioni. Una natura mai violata. Si respira la storia, tra le pietre con le date scolpite, le antiche iscrizioni, gli arredi in ferro battuto a mano, i mobili di legno creati anni fa da abili artigiani, poggiati su pavimenti fatti con grandi lastre di pietra che lasciano lo spazio anche ad un pezzetto di una antichissima strada romana.

Dove siamo? In un maniero? Le muraglie sono alte, le scale antiche, alle pareti armi ed alabarde di almeno sei secoli. Ma forse siamo in un convento, viste le basse porticine e i passaggi ad arco ricavati nella pietra e il silenzio che ti riporta ad un luogo sacro.

Ora è chiaro: siamo in un posto che è tutte queste cose. Siamo a Val di Colle. Val di Colle è un luogo che sa di magico. Insomma, sapete perché è bello vivere in posti come Val di Colle? Perché ti riscopri uomo e riscopri il rapporto con il tempo, con i segni, con il mondo e assapori il respiro della Storia. Foto di Lorenza Ricci. Mobili ed antichissimi oggetti si integrano con una spettacolare collezione di grafica e pittura moderna dalle firme più prestigiose.

Il giardino è stato progettato dal famoso architetto Porcinai ed alcune statue dello scultore Sbarluzzi osservano placidamente gli ospiti. Val di Colle è anche un campo da golf a tre buche con Club House, putting green e campo pratica, piscina, trekking, percorso salute, tanto relax ed un eccellente ristorante di esclusiva cucina toscana. Quando il legno incontra il Golf.

Il legno protagonista, per pezzi unici di arredo. Espositori costruiti con cura artigianale per esaltare la propria passione per il Golf. Materiali, colori e design studiati per incontrare le esigenze più sofisticate dei Golfisti.

Mr. Pin APP e SMS

Rivolgiti al tuo pro shop o negozio di fiducia. Oppure chiedi informazioni: cell. È stato lo stesso Robert Trent Jones Jr. Il campo si staglia alle pendici del castello di Antognolla, un affascinante maniero medievale risalente al XII secolo perfettamente conservato che domina il campo in tutta la sua imponenza.

Il percorso è particolarmente interessante e ricco di difficoltà tecniche, si tratta sicuramente di uno dei più spettacolari percorsi italiani.

Le buche infatti si susseguono con un aperto sette giorni su sette dalle 8,30 alle Le attrezzature di pratica includono: Campo pratica di metri, varietà di posizioni di tiro, fairway ondulato, target green, putting green, pitching area. Cena di gala Alfio Bardolla. Cena Open House Milano. Viaggeremo come flaneur attraverso moderne Wunderkammer, non più catalizzatrici di rarità collezionistiche rinascimentali, ma contemporanei percorsi attorno cui si snoderanno racconti di naturalia e artificialia.

La scelta del nome assegnatale è stata difficile, dovendo unire i tanti aspetti del viaggio in un unico titolo.

Il momento è solenne, bisogna guardarsi intorno, poi focalizzarsi su un aspetto, poiché con gli occhiali se ne vede meglio la storia. Allora si sceglie che viaggiatore si vuole essere. A poca distanza dal percorso da golf si trovano adagiate, nella Val di Noto, le città di Ragusa, Modica, Scicli e Noto, ridondanti di architetture barocche, con pure declinazioni siciliane.

Solo lo scorso anno hanno partecipato alle gare 3 mila ragazzi. Gran Finale, il 7 settembre, al Circolo Golf Torino. Le gare sono valide per il ranking italiano e sono patrocinate dalla Federazione Italiana Golf.

Le gare si giocano con formula medal scratch categoria maschile e femminile, con premi per i primi cinque scratch assoluti maschili, ai primi tre scratch assoluto femminili, ai primi maschili e femminili under 16, 14 e 12, ai primi 2 netti maschili e al primo netto femminile. Sono invitati a partecipare alla finale che si svolge al Circolo Golf Torino i primi cinque classificati scratch maschili e le prime tre classificate scratch femminili. La formula di gara e i premi della finale sono uguali alle tappe di qualifica.

LA FESTA Anche questa edizione si preannuncia come la più dolce del calendario giovanile italiano: golose merende a base di prodotti Kinder saranno organizzate in tutte le tappe. Agnese Vigna Il servizio continua sul sito www. Giampaolo Prearo: Sicuramente. Questo perché ho sempre amato e aiutato i giovani artisti, critici e curatori e continuo a farlo tuttora.

Eravamo nel , in piena contestazione studentesca. Anni di fermento, di libertà e provocazione. Gli artisti e gli intellettuali cercavano continui punti di ritrovo in Brera o alla Galleria Bellora, per confrontarsi e scambiarsi idee.

Il mio colpo di genio è stato intuire, grazie alla mia sensibilità particolare, quali fossero i giovani artisti migliori del momento, che poi in effetti sono diventati delle Star. Qualche esempio? In questo momento di grande confusione ho voluto omaggiare ancora una volta un giovane artista di cui sono sicuro sentiremo molto parlare. Vuole essere un Tributo a Marilyn, icona che ha sempre ispirato il maestro.

Il volume riprodurrà fedelmente le sue opere originali, con una nuova tecnica di stampa, collage, incisione, il tutto con la preziosa collaborazione della Fondazione Rotella. Penso di essere nata con la penna in mano, fin da piccolina scrivevo delle storie, mi autoproducevo perfino un giornalino. Quattro fogli in tutto tenuti insieme con la cucitrice, tiratura totale di tre copie scritte una per una a mano. Una per me, una venduta ai miei genitori, una a mia nonna. Al liceo scrivevo per il mensile della scuola e poi, a diciannove anni, mi hanno pubblicato il primo libro e sono stata anche pagata per questo.

Ogni tanto mi viene voglia di sventolarlo sotto al naso di quelli che pagano uno stampatore — ormai gli editori veri sono quasi scomparsi del tutto — pur di far finta di essere uno scrittore.

Nessuna polemica, solo un dato di fatto. In Italia si legge poco e spesso male. Dico sempre che uno scrittore è una specie di innocuo vampiro che si aggira nel mondo alla ricerca di storie da succhiare. Deve averne ascoltate parecchie, allora.

Ne ho avuto di tempo per documentarmi. Perché ha smesso di giocare? Mi sono avvicinata al golf quando ero in Australia per motivi di lavoro. Durante i fine settimana anche i colleghi con i quali si era creato un rapporto di amicizia più stretto sparivano per andare a giocare. Quando sono rientrata definitivamente in Italia una delle prime cose che ho fatto è stata quella di cercare un circolo dove iscrivermi.

Parecchi anni dopo mio marito ha cominciato a giocare per caso, si è appassionato e allora ho ritirato fuori la sacca per amore. Ho scoperto che qualcosa — non molto, ma abbastanza per i miei gusti — era cambiato. In un mondo afflitto dal presenzialismo più dirompente, Dada sembra la classica mosca bianca. Esperienze di vita e di luoghi che lei racconta, qua e là, nei suoi lavori.

Il circolo immaginario del Belvedere, quello descritto in GOLFavolando, è nel mio cuore e nei miei sogni.

Golf People Club Magazine N.1

Chissà che un giorno non lo trovi davvero nella realtà. Ci spieghi meglio qual è il filo conduttore di GOLFavolando. Un campo da golf è il palcoscenico ideale per mostrarli in tutto il loro splendore e oscurità. A fine stagione, nel bar di un grande albergo ripensa ai clienti che si sono seduti al suo bancone.

Naturalmente il mio barman commenta i racconti e anche qui ci sono i comprimari: il direttore, i capicuochi e il resto del personale.

Rassegna Stampa widiba

Ho passato un anno intero a studiare i barman e le loro gestualità e ad assaggiare tutti i cocktail possibili per abbinarli ai personaggi. Una faticaccia, sono quasi astemia. Libro interessante.

Lei non ha idea di quante richieste strane possono arrivare: si passa dal libro sulle pentole al racconto fantastico di supporto per il lancio di una linea di abbigliamento.

Ma se potesse fare solo una cosa, che sceglierebbe? Oggi si guarda sempre di più e si pensa sempre di meno. Pensare è faticoso, richiede un notevole sforzo di individualità e grande disciplina nel dosare il senso critico. Ma la ricompensa è enorme: essere liberi di spaziare con la mente.

Senza pregiudizi.